Philip Kotler: ecco le nozioni base del guru del marketing

Philip Kotler è tornato in Italia per un altro incontro. La sua visione di marketing innovativa l'ha designato come uno dei pionieri del marketing sociale

Il sei ottobre Philip Kotler, uno dei padri fondatori del web marketing, è venuto in Italia. Milano ha visto moltissimi esperti del settore ascoltarlo e lasciarsi ispirare dalle sue tesi. Le idee di Philip Kotler  sempre innovative segnano una sorta di "bibbia per il marketing 2.0". Esse vanno al di là della semplice compra vendita, come era prima percepito il marketing. Riprendendo le sue parole nell'intervento del 2008 che fece al politecnico di Milano:

All'inizio il Marketing voleva dire solo "vendere". È molto di più di questo, il marketing inizia prima che voi abbiate qualcosa da vendere.

Difatti Philip Kotler non vede più il marketing come un processo di compra-vendita tra azienda e consumatore.  Non si tratta più di lanciare un prodotto sul mercato. Il fulcro del marketing è la capacità da parte delle aziende di essere recettive sulle esigenze del mercato. Le necessità insoddisfatte del cliente sono un terreno fertile del marketing. Le aziende dovrebbero rispondere con un'offerta di prodotti di qualità che soddisfino a pieno i bisogni dei consumatori. Ecco perché quando si parla di marketing non si parla più solo di vendere, ma piuttosto di aprire un dialogo biunivoco tra azienda e consumatore.

Vi dico solo una cosa: il marketing cambia

Per questo il guru del marketing nel 2008 ha esordito dicendo che il marketing cambia. Deve  rispondere alle esigenze di mercato e rispondere, secondo l'antica legge darwiniana dell'evoluzione. "Non è la specie più forte o la più intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento". E il marketing non fa eccezione. Ha sintetizzato questo concetto più umano di marketing in dieci punti fondamentali, vediamo insieme quali sono

Philip Kotler e i dieci punti per un marketing più umano e duraturo

1- Trattare i clienti con amore e i competitor con rispetto.

 2- Essere pronti alla trasformazione e al cambiamento. Provata a immaginare un'azienda che continua a vendere cassette in VHS. Va bene per il target "nostalgico", ma questo non basterà all'azienda a sopravvivere al cambiamento.

 3- Essere cristallini sui propri valori e non tradirli: avere dei valori  farà sicuramente bene al vostro marketing, ma anche alla vostra reputazione online. Il cliente capirà subito chi siete e cosa proponete, e soprattutto come.

 4- Focalizzarsi sul segmento che può dare i maggiori benefici. Concentratevi dove il vostro target ha più esigenze. Non si tratta di "sfruttare i bisogni" dei vostri clienti, ma instaurare un rapporto di dare-avere con i consumatori.

 5- La propria qualità è percepita attraverso i prezzi: se sono onesti il cliente si fiderà di voi. Alzare o abbassare il prezzo può essere deleterio per il marketing, venendo a mancare l'equilibrio qualità-prezzo.

 6- Aiutare i clienti che vi stanno cercando a trovarvi Il web marketing si basa soprattutto sul farsi trovare facilmente. Le strategie di marketing possono quindi essere i vostri migliori amici per raggiungere questo fine.

7- Trattare i clienti come se fossero tutti clienti fidelizzati
Philip Kotler consiglia di trattare tutti i clienti come se fossero clienti per la vita.

 8- Ogni prodotto è un business a sé. Se studiate una strategia di marketing singola e mirata, la qualità del prodotto verrà sicuramente messa in risalto.

 9- Migliorare il proprio processo di business

10. Considerare diversi aspetti e informazioni prima di prendere una decisione. Per evitare scivoloni involuti, prima di prendere una decisione riflettete e parlatene con i vostri colleghi!

 

  Philip Kotler è tornato in Italia il sei e il sette ottobre per un'altra conferenza che vede in primo piano sempre il rapporto umano tra consumatore e azienda. A voi piace la filosofia di questa rockstar del marketing?  

MLP Studio – realizzazione siti web Roma

Leave a Response

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*