Il giardinaggio? Fa bene anche ai bambini

giardinaggio

Il segreto per tenere i bambini in buona salute anche durante la crescita? Insegnare loro a fare giardinaggio e prendersi cura di fiori e piante.

Si è spesso parlato dei benefici del giardinaggio sulla salute delle persone di età più avanzata, che si possono mantenere in forma compiendo le quotidiane operazioni per prendersi cura del proprio spazio verde domestico; mai prima d'ora, però, era stata effettuata una specifica analisi per verificare gli effetti del "verde" sui bambini di età scolare. In sintesi, i risultati sono decisamente positivi.

La salute passa dal giardinaggio. La scoperta arriva da un team di scienziati americani, che in un recente articolo pubblicato sul Journal of Nutrition Education and Behavior riportano i risultati di uno studio sull’impatto del giardinaggio sui più piccoli, scoprendone numerosi benefici, a cominciare dalla possibilità di mantenere in buona salute i nostri "cuccioli" facendo fare loro delle attività in prima persona e all'aria aperta.

Attenzione al benessere dei piccoli. In dettaglio, si racconta come in quattro scuole della California sia stato applicato lo Shaping Healthy Choices Program, uno specifico programma basato su un unico principio: attuare una serie di dinamiche che possano contribuire a sviluppare e migliorare il benessere dei bambini, dall’educazione alimentare alle politiche scolastiche di comunità, fino al coinvolgimento importante della famiglia.

Curare le piante. Tra le attività di tipo pratico di questo esperimento, durato circa un anno, una delle più interessanti e coinvolgenti per i piccoli studenti di 9-10 anni è stata la coltivazione dell’orto scolastico: quasi quattrocento futuri "pollici verdi" hanno seminato, curato, annaffiato, visto crescere e raccolto una serie di prodotti come verdure e ortaggi, che poi sono stati anche cucinati sia nella mensa scolastica, che a casa con le loro famiglie.

La collaborazione delle famiglie. Ovviamente, in questo processo i bambini sono stati tenuti sotto osservazione, e attraverso il supporto e la collaborazione delle famiglie, il programma di benessere alimentare è continuato anche tra le mura domestiche. Alla fine del percorso gli scienziati hanno notato che i ragazzi che erano impegnati nel giardinaggio hanno mostrato significativi miglioramenti.

Un percorso salutare. L’attività che si svolge all’aria aperta si è dimostrata benefica per l’organismo, anche perché permette di sintetizzare la vitamina D, essenziale durante la crescita; inoltre, il movimento stimola la produzione di serotonina e migliora l’umore. Più in generale, per un bambino coltivare un orto è un percorso di salute per lo sviluppo fisico e un progetto motivazionale per la mente, che serve anche a insegnare il rispetto per la natura e i suoi ritmi. Solo seguendo e curando le piante in tutte le loro fasi, dalla semina sino alla raccolta, è possibile raggiungere l'obiettivo e vedere spuntare i prodotti sperati.

Il verde fa bene. Come ha spiegato uno degli autori della ricerca, la dottoressa Rachel Scherr, nello specifico sono migliorati "l'indice di massa corporea e il rapporto peso-altezza. Nel gruppo in cui c’erano bambini in sovrappeso o obesi c’è stato un calo dal 55,6 al 37,8 per cento. Questo drastico cambiamento ha permesso di stabilire che coloro che hanno seguito il programma SHC hanno migliorato la loro salute e sono più competenti nel campo della nutrizione”, ha concluso l'esperta.

Lotta all'obesità infantile. Questa indagine rappresenta una svolta positiva anche per contrastare il problema dell’obesità infantile, che anche nel nostro Paese sta avendo un'incidenza sempre più critica: l'Italia infatti staziona agli ultimi posti della classifica dei peggiori Paesi europei per questa tematica, come ci ricorda la Childhood Obesity Surveillance Initiative dell'Organizzazione mondiale della sanità.

Da dove iniziare. Al di là degli effetti salutari, coltivare un orto con i propri bambini si rivela importante e benefico anche per altri motivi: dedicarsi alla natura infatti può dare libero sfogo alla fantasia dei più piccoli, che possono divertirsi a scegliere cosa piantare, e può soprattutto essere un momento molto intimo per riunire la famiglia. Per tutti i consigli sul come creare questi piccoli spazi verdi anche a casa propria si possono sfruttare i consigli del Web, a cominciare da quelli riportati su blog specialistici come codiferro.it: il primo passo può essere iniziare dalla semina e potatura dell'oleandro, fiore che colora di frequente le siepi italiane e che necessita di cure relativamente semplici.

Leave a Response

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*